TRASPARENZA E DEMOCRAZIA PARTECIPATA: IL RITORNO!!!!

Prima delle elezioni amministrative del maggio 2013 avevamo raccolto piu’ di 300 firme per presentare le petizioni sulla ripresa del consiglio comunale e sui referendum propositivi senza quorum(leggi l’articolo). Ma lo scioglimento del consiglio comunale non permise mai una vera discussione in aula. Oggi ripresentiamo alla “nuova” amministrazione le nostre petizioni sicuri che saranno discusse nei tempi previsti dal regolamento comunale.

Per il Movimento 5 Stelle il primo passo per poter realizzare una piena democrazia partecipativa è quello di mettere innanzitutto il cittadino nelle condizioni di conoscere le decisioni che la nostra amministrazione legifera e in secondo luogo di permettere direttamente a noi cittadini, una volta informati, di prendere parte al processo decisionale. A tal fine abbiamo avviato la campagna “ Operazione Fiato sul collo” e in data 11/10/2013 abbiamo depositato oltre 300 firme riguardo due petizioni popolari. -Innanzitutto la ripresa dei consigli comunali e delle commissioni per visionare anche attraverso un computer le sedute che si svolgono attraverso l’istallazione di webcam sia in diretta streaming che in differita con la possibilità di archiviare le immagini attraverso servizi messi a disposizione gratuitamente sul web. Le sedute sarebbero accessibili in qualsiasi momento dai cittadini che intendono visionarle in modo così da essere informati e partecipi della vita politica della nostra città; leggi il documento protocollato qui: https://www.dropbox.com/s/9xmm711gqeoburd/petizione%20ripresa%20consiglio%20comunale.pdf

-Parallelamente a questa iniziativa chiediamo di dare attuazione ai regolamenti dei referendum comunali. Si tratta di un’iniziativa che mira a consolidare l’allargamento della partecipazione dei cittadini ai tradizionali processi decisionali recependo le istanze democratiche provenienti dal basso. Si intende pertanto dare attuazione a parti dello Statuto comunale rimaste sinora inattuate, offrendo ai cittadini nuove possibilità di partecipare al governo dell’ente locale, anche attraverso istituti di democrazia diretta. Con questo intervento di riforma del regolamento comunale i cittadini potranno disporre di una pluralità di strumenti (referendum, petizioni, proposte) di partecipazione democratica su materie di competenza dell’ente che spesso hanno diretta incidenza sulle sfere dei beni comuni e dei diritti fondamentali.L’istituto del referendum, offre ai cittadini l’opportunità concreta di incidere nella determinazione delle politiche comunali, anche mediante l’abrogazione di atti (o parti di essi) recentemente adottati. leggi il documento protocollato —-> https://www.dropbox.com/s/1opzos9vxlzfdwp/petizione%20modifica%20statuto.pdf

Speriamo le nostre richieste vengano accolte ma stavolta sappiamo di avere alle spalle un’onda di cittadini coscienziosi che aspettando delle risposte concrete per questo non verremo lasciati soli.

L’OPERAZIONE FIATO SUL COLLO CONTINUA!

 

Tags: , , , ,

Lascia un Commento