NOI LE PROMESSE LE MANTENIAMO: Presentati dossier e interrogazione parlamentare sul fiume Sarno

 

Fiume Sarno:  Uno scandalo

Nel febbraio 2013, un gruppo di 75 attivisti del M5S Campania, ha costituito il “tavolo tecnico Sarno” con l’intento di acquisire informazioni, documenti e dati aggiornati sullo “stato di salute” del bacino idrografico del fiume e dei suoi abitanti che ormai da 40 anni vivono in perenne stato di emergenza ambientale e sanitaria.

Grazie al lavoro del gruppo di attivisti sono stati presentati un dossier e due interrogazioni parlamentare
per richiedere interventi immediati e dare il via ad una vera bonifica del Sarno, bomba ambientale che mette a rischio la salute di un territorio che coinvolge oltre trenta comuni.

La motivazione che ha spinto il gruppo di lavoro del M5S Campania, ad occuparsi di questo annoso problema, è nata dall’esigenza di offrire un contributo critico, e se possibile risolutivo, al DISASTRO AMBIENTALE e SANITARIO del bacino del Sarno che, giorno dopo giorno, assume dimensioni sempre più consistenti a causa dell’imponente e continua contaminazione delle acque superficiali, acque sotterranee, mare, suolo, atmosfera, flora e fauna con portata distruttiva per l’ambiente e la salute delle persone. Parliamo di un’area molto vasta, che abbraccia 33 comuni compresi tra le province di Napoli, Salerno e Avellino, con una elevata densità antropica ed è quindi ben chiara l’entità del disastro perpetrato.

Lo stato del fiume Sarno- dichiarano Angelo Tofalo, Silvia Giordano e Mimmo Pisano deputati del MoVimento Cinque Stelle – è la sintesi della pessima gestione politico/amministrativa in tema di tutela ambientale e della salute del territorio in Campania. Occorre un intervento a 360° per la pulizia totale del fiume“.

La deputata Silvia Giordano, inoltre, si è impegnata sul tema redigendo una ulteriore interrogazione parlamentare: “Al Signor Ministro della salute ho chiesto di adoperarsi – spiega Silvia Giordano – affinché si attivi per limitare i rischi relativi all’incidenza di malattie tumorali, e non solo, attivando uno stato di allerta della popolazione e sostenendo le spese necessarie per le ricerche statistiche e gli studi. Infine bisogna fare chiarezza sui fatti finora accaduti, destituendo tutti i responsabili in carica ad oggi, verificando l’adeguatezza dei progetti in corso e valutando le opere compiute riconoscendo il danno alla salute e dunque il disastro ambientale che può davvero riportare al ripristino dei luoghi o quanto meno ad una riqualificazione, istituendo una commissione di esperti, per la riqualificazione ambientale, culturale, economica, sociale“.

Al ministro dell’Ambiente, territorio e lavori pubblici.
- Per sapere – Premesso che:

• La salute e la tutela dell’ecosistema e dell’ambiente sono valori assoluti.

• I dati relativi al monitoraggio dell’ecosistema marino del golfo di Napoli, (progetto ministeriale SIDIMAR a cura di ARPAC e Stazione Zoologica di Napoli) e nuovo monitoraggio conforme al D.Lgs. 152/2006 a cura di ARPAC; dalla lettura delle tabelle nelle stazioni relative al tratto di mare prospiciente la foce del Sarno i valori di metalli pesanti e altri inquinanti sono estremamente elevati, in particolare il cromo sia nell’acqua che nei sedimenti marini, ad indicare la elevata compromissione della matrice abiotica (acqua e sedimenti) che immette nella catena trofica inquinanti che, attraverso il processo di biomagnificazione, concentra nei tessuti dei pesci quantità significative di queste sostanze;

• Analizzando le criticità del progetto di disinquinamento PS3, in particolare della filosofia “ottimistica” e dell’approccio “tecnologico” che si è portato avanti fino ad oggi, si evince, invece, la necessità di mettere in campo una strategia biologico-ambientale e degli effetti sinergici indotti da questa;

• l’emergenza sanitaria dell’inquinamento del Sarno per le popolazioni che vivono nelle sue vicinanze, mette in evidenza come la presenza nell’acqua di microrganismi di origine fecale e di metalli pesanti, in concentrazione superiore a quanto stabilito dalla legge (D. Lgs 152/2006 e s.m.i.) determina l’aumento di infezioni quali febbre tifoide, diarrea infettiva, epatite A, ma soprattutto tumori.

Come sia stato possibile realizzare opere senza adeguare tecnologicamente i progetti alla nuovanormativa sull’ambiente, avvalendosi per conto di progetti risalenti al PS3?
Perché non si è fatta una seria valutazione costi/benefici sulla costruzione di grandi opere inefficienti, costose e di difficile gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria, a fronte di piccoli interventi di depurazione, di collettamento con reti duali, di ripristino del reticolo idrografico e di mitigazione del rischio, o di ripristino degli habitat naturali, ad alta efficienza?

Come promesso in campagna elettorale il fiume Sarno per noi non è solo un tema di propaganda ma un vero problema da affrontare al piu’ presto. In attesa di risposte da parte dei ministri competenti continueremo a studiare il caso per capire perchè sono stati spesi miliardi di euro senza risultati evidenti.

Prossimo impegno: interrogazione parlamentare sul problema taglio fondi sanità pubblica e chiusura Ospedali.

 

Tags: , ,

Lascia un Commento